Sono molti i commenti ricevuti alla notizia dell’avvenuto battesimo della Federazione popolare dei DC. Tra questi, particolarmente gradita e rilevante, è stata la lettera ricevuta dall’amico Sergio Bindi che concorse largamente a dare pratica attuazione alla sentenza della Cassazione, secondo cui la DC “non è mai stata giuridicamente sciolta”. 

 

Il Segretario politico della DC Renato Grassi con tratti di grande umanità, ma con la volontà di fare chiarezza, indirizza una Lettera a Gianni Fontana indicato come il mallevadore dell'assemblea del 12 ottobre, invitandolo a uscire dal ruolo assegnatogli di convitato di pietra, e responsabilmente e con la sua indubbia autorevolezza chiarisca il suo pensiero...

L’8 novembre scorso ha avuto luogo a Roma una sessione della Direzione Nazionale della D.C. per valutare gli sviluppi degli avvenimenti politici in corso e la situazione amministrativa del Partito. Tra l’altro ha adottato il provvedimento di sospensione cautelare del prof. Nino Luciani e l'immediato deferimento del suddetto al  Collegio  dei Probi Viri,  con la proposta di espulsione dal Partito.

 

Il Segretario Politico, dott.  Renato Grassi, risponde puntualmente alle osservazioni del prof. Nino Luciani auspicando, tuttavia, un gesto urgente di responsabilità, con la rinuncia alle iniziative avviate da parte del Professore, per poter concorrere tutti insieme alle prossime importanti sfide organizzative e politiche.

Via al nuovo Polo di Centro. Siglato a Roma il primo Patto Federativo tra tutti gli eredi della Democrazia Cristiana. Prende finalmente avvio un progetto di ricomposizione dell’area politica cattolica popolare. 25 organizzazioni si sono date come programma la preparazione di un nuovo soggetto politico unitario, che si ispira ai valori dell’umanesimo cristiano.

L'Ufficio Politico della Democrazia, constatando l'illegalità dei presupposti statutari e giuridici dell'assemblea romana di sabato 12 ottobre u.s. e di tutti coloro che vi hanno partecipato, non senza un poco di amarezza, prende atto del fatto che essi si siano posti autonomamente e deliberatamente fuori del Partitto. (cfr. Elenco pubblicato dal CENTRO STUDI PER L'IMPEGNO POLITICO DEI CATTOLICI).

L’Ufficio politico della Democrazia Cristiana nella sessione di venerdì 18 ottobre scorso ha deliberato, tra l’altro, di aderire al "Comitato del No" contro la legge costituzionale al taglio di 345 parlamentari. In attesa di ricevere il testo integrale degli interventi, ospitiamo una cronaca dell’Agenzia Stampa Quotidiana Nazionale. Inoltre è indicato il link del video della Conferenza Stampa che si è tenuta a Roma giovedì 17 ottobre 2019 alle ore 11:30, alla quale hanno partecipato Giuseppe Gargani, Renato Grassi e Mario Tassone. https://www.radioradicale.it/scheda/587749/conferenza-stampa-del-comitato-per-il-no-al-referendum-sul-taglio-dei-parlamentari

Adesione DC 2024

E' possibile effettuare l'adesione alla Democrazia Cristiana per l'anno in corso.

Scarica il modulo e invialo alla Segreteria Nazionale del Partito

Articoli più letti

Formazione

Rerum novarum

L'ardente brama di novità che da gran tempo ha cominciato ad agitare i popoli, doveva naturalmente dall'ordine politico passare nell'ordine simile dell'economia sociale. E difatti i portentosi progressi delle arti e i nuovi metodi dell'industria; le mutate relazioni tra padroni ed operai; l'essersi accumulata la ricchezza in poche mani e largamente estesa la povertà; il sentimento delle proprie forze divenuto nelle classi lavoratrici più vivo...

Leggi tutto...

Error: unable to get links from server. Please make sure that your site supports either file_get_contents() or the cURL library.