Attorno all’eredità della DC si è svolta una lunga battaglia che iniziò nel 1993, nel momento del distacco dal PPI di Martinazzoli,  dell’UDC di Casini e Sandro Fontana, con un lungo seguito di scontri giudiziari fra presunti eredi: da Castagnetti per il PPI a Casini per l’UDC, e via via, Rocco Buttiglione e Mario Tassone con il CDU, la meteora di  Pino Pizza e giù per li rami, tra Rotondi e Sandri e la nostra DC rimessa in moto da Gianni  Fontana e Renato Grassi.  fino ai giorni nostri.

La suprema Corte di Cassazione ha risolto definitivamente ogni querelle con la sentenza inappellabile assunta a sezioni civile riunite, numero 25999, del 23.12.2010, con la quale è stato sancito che “la DC non è mai stata giuridicamente sciolta”, dunque, non ci sono eredi dato che il de cuius non è mai giuridicamente defunto.

Già Ombretta Fumagalli Carulli, eletta alla presidenza del consiglio nazionale della DC nel Novembre 2012 dichiarò, il 28 Dicembre di quell’anno: "I sostenitori del principio 'le sentenze si rispettano' se ne facciano una ragione: i magistrati, con sentenza definitiva n. 25999 adottata dalla Cassazione il 23 dicembre 2010, hanno determinato che il simbolo della Democrazia Cristiana spetta - come logico - ai democristiani. Il glorioso partito della Dc che fu di De Gasperi, di Aldo Moro e di Donat Cattin,  non è mai stato sciolto e, anche se non si è presentato alle elezioni più recenti, non ha rinunciato a nulla di ciò che gli appartiene".

E aggiungeva: "questo significa che, fino a ora, coloro che hanno utilizzato il logo dello scudo crociato, lo hanno fatto abusivamente. A cominciare da Pierferdinando Casini che, a quanto pare, vuole troppe cose tutte insieme".

E, Gianni Fontana, eletto dal Congresso nel Novembre 2012, il 4 Gennaio 2013, avviò un’azione legale  contro Casini e l’UDC con questo comunicato: “la democrazia cristiana ha avviato oggi un'azione legale "a tutela del proprio diritto di essere l'unica esclusiva proprietaria e, quindi, unica utilizzatrice, del simbolo dello scudo crociato sulla base delle recenti decisioni della magistratura. La corte d'appello di Roma ha accertato, con una decisione confermata dalle sezioni unite della corte di cassazione, che la DC non si è mai estinta e che, pertanto, non vi è stata alcuna ipotesi di successione in favore di nessun partito"."alla democrazia cristiana non rimane pertanto - proseguiva Fontana - che la difesa del simbolo e degli ideali che l'hanno sempre contraddistinta, e in particolar modo di quel simbolo glorioso che purtroppo ha assunto tante e troppe deformazioni e modificazioni. da queste premesse e su queste basi è partita oggi l'unica causa che la DC ha instaurato contro l'UDC per rivendicare il proprio diritto di esistere e di esistere con il proprio nome e il proprio simbolo, nonché nel medesimo stato in cui altri, non si sa quanto responsabilmente, l'hanno messa a riposo nel '94, oltre che per far accertare che l'UDC stessa non ha alcun diritto di utilizzare il simbolo, come chiaramente affermato dalla magistratura, e per richiedere il risarcimento dei danni".

Non abbiamo ottenuto soddisfazioni con l’UDC e Casini ha fatto la fine che tutti conosciamo: da virgulto doroteo forlaniano è finito sotto le insegne di Gramsci, Togliatti e Berlinguer, fotografato in una sezione dell’ex PCI di Bologna, sopravvissuto a tutti i morti della prima repubblica e, tuttora, in pompa magna col laticlavio di senatore della Repubblica per il PD.

L’uso di quel simbolo è stato ereditato nell’UDC da Lorenzo Cesa, che ne ha fatto un utilizzo a titolo personale e di alcuni suoi amici, sino a questo giro elettorale europeo nel quale: o si imbarca sul residuo vascello del Cavaliere, di cui è stato sempre una scialuppa di salvataggio, o concorre con la residua scarsa credibilità alla ricomposizione dell’area democratico cristiana.

Questo della ricomposizione dell’area cattolica e popolare italiana, che comporta inevitabilmente la stessa ricomposizione possibile dei superstiti “DC non pentiti”, è stato l’obiettivo che insieme a Gianni Fontana, Renato Grassi e gli altri “ ultimi dei mohicani DC” ci siamo proposti dal 2012, preso atto della sentenza della Cassazione, attivando tutta una serie di procedure possibili, con le quali abbiamo inteso dare pratica attuazione alla sentenza della Cassazione stessa e rilanciare politicamente la DC.

Dal Novembre 2012 e, prima ancora, dal Consiglio nazionale autoconvocatosi grazie all’iniziativa del sottoscritto e di Silvio Lega, alcuni sabotatori seriali, in primis l’avv. Cerenza e il sig. De Simoni, in rappresentanza di un’associazione degli iscritti 1992-93, hanno attivato una serie di azioni giudiziarie tese ad annullare i risultati raggiunti con la celebrazione del XIX Congresso nazionale DC del Novembre 2012, col solo risultato pratico di rendere impossibile la rinascita giuridica, prima ancora che politica, del partito.

Un fatto nuovo è, però, intervenuto, quando il tribunale di Roma ha accettato come base sociale dell’associazione senza personalità giuridica Democrazia Cristiana (poiché tale è la natura giuridica del partito), quella dei soci 1992-93 che, nel 2012, decisero di rinnovare l’adesione al partito, il cui tesseramento era stato pubblicamente svolto in quell’anno.

Lo stesso tribunale, in base alle norme del codice civile, le uniche applicabili nel caso in questione, ossia di un’associazione senza personalità giuridica e priva degli organi statutari, ha autorizzato la convocazione dell’assemblea dei soci tenutasi il 13 ottobre 2017 nella quale eleggemmo gli organi sociali del partito: segretario nazionale e Consiglio nazionale. Successivamente il Consiglio nazionale convocò il Congresso attraverso  le assemblee provinciali e regionali del partito per l’elezione dei delegati, secondo le norme statutarie tuttora in vigore della DC, e il 13 Ottobre 2018 riconvocammo il XIX Congresso nazionale del partito nel quale abbiamo eletto il segretario nazionale Renato Grassi e  il consiglio nazionale. Quest’ultimo il 23 Ottobre 2018 ha eletto alla Presidenza del Consiglio nazionale, Gianni Fontana, la direzione nazionale e il segretario amministrativo, legale rappresentante del partito, nella persona di Nicola Troisi.

I “sabotatori seriali” non si sono arresi e anche contro queste assemblee hanno fatto ricorso, con un procedimento giudiziario tuttora pendente che contribuisce a mantenere in vita quel tentativo suicida che persegue l’unico scopo razionalmente comprensibile: impedire la rinascita politica della DC o, come più volte affermato, riscattare i beni patrimoniali ex DC.

Forti delle decisioni del tribunale di Roma, alla vigilia delle prossime elezioni europee, il 5 Dicembre 2018 abbiamo concorso alla redazione del patto programmatico federativo costituente, sulla base del quale abbiamo inteso dar vita a una lista unitaria delle diverse anime della vasta e articolata galassia cattolico popolare e democratico cristiana.

Avevano detto si a tale progetto con Renato Grassi, Mario Mauro, Mario Tassone, Ivo Tarolli, Nino Gemelli, Maurizio Eufemi, Giuseppe Rotunno, Giorgio Merlo e tanti altri amici esponenti di vari gruppi e associazioni dell’area cattolica.

Mario Mauro garantiva che grazie all’adesione dei “ Popolari per l’Italia” al PPE, si sarebbero potute evitare le forche caudine della raccolta, in brevissimo tempo, delle 150.000 firme necessarie per la presentazione della lista, dando incarico all’avv. Francesco Venturini di seguire l’iter del progetto.

Da parte mia, che con Gemelli ero stato l’estensore del patto federativo, proponevo come nome da assegnare alla lista quello di: “ Popolari e Democratici cristiani Insieme” o, in alternativa quello di UMPI ( Unione dei movimenti Popolari Italiani, sul modello dell’UMP francese) o di Unità Popolare.

L’ufficio politico della DC nella riunione del 28 marzo 2019, considerata l’assenza di ogni residua querelle sul simbolo dello scudo crociato, la cui proprietà è di totale appartenenza tra i beni immateriali della DC, chiedeva che, accanto al simbolo dei Popolari per l’Italia fosse inserito lo scudo crociato, ricordando che tra tutti i partecipanti al patto federativo, la DC era l’unico partito storicamente e legittimamente socio fondatore del PPE.

L’avv. Venturini, aspirante ad assumere il ruolo di capolista per conto degli amici Popolari per l’Italia, nella circoscrizione centrale, si farebbe portavoce di una sorta di idiosincrasia anti DC e della volontà di alcuni di escludere il simbolo dello scudo crociato, avendo, di fatto, già concordato a tavolino nomi e cognomi dei capilista e dei candidati nelle cinque circoscrizioni elettorali.

A questi sedicenti cattolici e popolari vogliamo far notare che avendo combattuto senza soluzione di continuità, la lunga battaglia nella stagione suicida della  diaspora democratico cristiana, non avendo velleità di eleggere qualche amico, ma solo quella di piantare la bandiera della rinata Democrazia Cristiana, siamo pronti alla battaglia delle Termopili democratico cristiane, sia sul fronte del simbolo che ci appartiene, sia su quello della lista che rivendicheremo come diritto in tutte le sedi, per la  nostra legittima appartenenza di unici soci fondatori del PPE, cui intendiamo collegare la nostra proposta politica e programmatica.

Restiamo con la speranza che Mario Mauro e Ivo Tarolli, che sono stati sin qui i dominus per la formazione della lista, sappiano tenere dritta la barra e impedire, complice l’astuto avvocato romano, l’ultimo naufragio al progetto di ricomposizione dell’area cattolica e popolare che presuppone, volenti o nolenti, anche quella di ciò che rimane dei “democratici cristiani non pentiti”.

Ettore Bonalberti

Vice segretario nazionale DC

Venezia, 5 Aprile 2019

 

 

Articoli più letti

Formazione

Carta Europea dei diritti fondamentali

I popoli europei nel creare tra loro un'unione sempre più stretta hanno deciso di condividere un futuro di pace fondato su valori comuni.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione