In memoria di Silvio Lega



 

E' deceduto l'on. Sivio Lega, già vice segretario nazionale della Democrazia Cristiana con Forlani. Aveva 76 anni. La morte è avvenuta a Siena e a causarla sarebbe stata una crisi respiratoria causata dal Covid.

Nel 1979 era stato eletto al Parlamento Europeo nel Partito Popolare con un record di prefrenze (162 mila) e successivamente,  deputato per tre legislature dall'83 al  '92.

E' una triste notizia apprendere la scomparsa di un uomo politico protagonista di una difficile stagione che ha visto il travagliato epilogo della esperienza partitica dei cattolici democratici.

Con l'ostinata volontà di ricostituire il partito della Democrazia nel 2012 ha promosso sulla base delle decisioni della Corte di Cassazione, insieme all'on. Darida e ai componenti dell'ultimo consiglio nazionale della D.C., la ricostituzione degli organi rappresentativi del Partito.

E' stata la premessa per la successiva, piena, legittimazione giuridica del progetto politico di rinnovata presenza e rappresentatività degli Ideali democratici cristiani.

Politico di grande aperture ideali ha promosso, da parlamentare europeo lo sviluppo delle relazioni con l'est europeo, ricordando costantemente, l'opera evangelizzatrice dei santi Cirillo e Metodio compatroni, con San Benedetto, dell'Europa.

Imprenditore illuminato ha sviluppato una ampia e articolata attività con imprese produttive caratterizzate nell'attività aziendale dagli insegnamenti acquisiti dal pensiero dell'ing. Adriano Olivetti e consolidati nelle opere promosse dalla Fondazione "Comunità " da lui costituita e diretta.

A Silvio Lega va il ricordo commosso e la gratitudine dei tanti democratici Cristiani che continuano a perseguire il progetto ideale e politico da lui avviato.

Renato Grassi, Segretario politico D.C

Adesione DC 2021

E' possibile effettuare l'adesione alla Democrazia Cristiana per l'anno in corso.

Scarica il modulo e invialo alla Segreteria Nazionale del Partito

Articoli più letti

Formazione

Rerum novarum

L'ardente brama di novità che da gran tempo ha cominciato ad agitare i popoli, doveva naturalmente dall'ordine politico passare nell'ordine simile dell'economia sociale. E difatti i portentosi progressi delle arti e i nuovi metodi dell'industria; le mutate relazioni tra padroni ed operai; l'essersi accumulata la ricchezza in poche mani e largamente estesa la povertà; il sentimento delle proprie forze divenuto nelle classi lavoratrici più vivo...

Leggi tutto...