Un ringraziamento

 

 

A conclusione della campagna elettorale per le amministrative, la Segreteria Nazionale della Democrazia Cristiana desidera ringraziare gli elettori, gli iscritti, i candidati, i dirigenti del Partito e in particolare il Commissario Regionale della Sicilia Totò Cuffaro per l'impegno profuso  a sostegno di un progetto politico di rinnovamento e di rilancio programmatico e gestionale degli Enti locali siciliani.

Il risultato, sopratutto di Palermo, premia, nonostante le  strumentali aggressioni mediatiche subite, la volontà di riportare nello scenario politico  una idealità e una presenza partitica insieme ad una ampia e qualificata rappresentanza nelle sedi istituzionali deputate a fornire risposte adeguate ai problemi della nostra comunità.

Positivi e di notevole rilievo rappresentativo  sono i risultati raggiunti,  in tutta la Regione, nei Comuni chiamati al voto.

A Messina  in un complessa situazione caratterizzata da una massiccia presenza organizzata di formazioni e di destra e di sinistra  e dominata da una ventata largamente maggioritaria di un movimento populista, la D.C. ha affrontato la competizione, a differenza di altre forze politiche, con la propria denominazione e con un preciso progetto politico programmatico a riprova della volontà di tornare
da protagonista  a livello comunale.

Al di la dei risultati numerici, il risultato raggiunto in Sicilia è una positiva premessa del percorso riorganizzativo e del progetto elettorale e politico che la D.C  .intende proporre e perseguire nelle prossime competizioni regionali e nazionali.

Adesione DC 2022

E' possibile effettuare l'adesione alla Democrazia Cristiana per l'anno in corso.

Scarica il modulo e invialo alla Segreteria Nazionale del Partito

Articoli più letti

Formazione

Deus caritas est

La giustizia è lo scopo e quindi anche la misura intrinseca di ogni politica. La politica è più che una semplice tecnica per la definizione dei pubblici ordinamenti: la sua origine e il suo scopo si trovano appunto nella giustizia, e questa è di natura etica. Così lo Stato si trova di fatto inevitabilmente di fronte all'interrogativo: come realizzare la giustizia qui ed ora? Ma questa domanda presuppone l'altra più radicale: che cosa è la giustizia?

Leggi tutto...