A Saint Vincent Gianfranco Rotondi: ennesimo coupe de théâtre

 

 

democrazia_cristiana.grande.png

 

 

Con un ennesimo colpo di teatro, come è abitudine del novello Tarzan della politica, Gianfranco Rotondi dichiara morta  la Democrazia Cristina.


In un delirio freudiano ritiene che "l'uccisione del padre " possa garantirgli nuova vita e libertà di movimento politico.

In realtà, il  suo tormentato percorso, passa per la ricerca di un nuovo padre-padrone.

Berlusconi è ormai indebolito, se pur  sempre utile, ma all'orizzonte si delinea l'astro nascente Giuseppe Conte, pronto a dare nuova luce a una formazione politica di ispirazione centrista, utilizzando le sparse membra dei grillini e frattaglie politiche di varia provenienza.


Nella fretta di puntare su un cavallo vincente, Rotondi dimentica che, con buona pace dei suoi affrettati necrologi, la Democrazia Cristiana è viva e vitale perché i suoi valori sono largamente radicati nell'anima  della gente e i principi ispiratori vengono costantemente attualizzati dal magistero papale a fronte di una società in continua trasformazione socio-economica.


Ricostituire la Democrazia Cristiana, significa oggi per noi non riproporre un ennesimo  partitino "bonsai", ma operare per favorire  la costruzione, in una dimensione più ampia e nelle forme opportune , dell'unione politica dei cattolici democratici.
Rotondi può, con dubbia coerenza,  ma legittimamente, scegliere la scorciatoia della sopravvivenza personale in nuove forme di equilibri parlamentari. Questo  però fa parte della sua storia politica,  e sinceramente non ci appassiona.

Adesione DC 2023

E' possibile effettuare l'adesione alla Democrazia Cristiana per l'anno in corso.

Scarica il modulo e invialo alla Segreteria Nazionale del Partito

Articoli più letti

Formazione

Fratelli tutti

Fraternità e amicizia sociale sono le vie indicate dal Santo Padre Francesco per costruire un mondo migliore, più giusto e pacifico, con l’impegno di tutti: popolo e istituzioni. Ribadito con forza il no alla guerra e alla globalizzazione dell’indifferenza. Il Papa la definisce una “Enciclica sociale” che mira a promuovere un’aspirazione mondiale alla fraternità e all’amicizia sociale. A partire dalla comune appartenenza alla famiglia umana, dal riconoscerci fratelli perché figli di un unico Creatore, tutti sulla stessa barca e dunque bisognosi di prendere coscienza che in un mondo globalizzato e interconnesso ci si può salvare solo insieme. Ovviamente la fraternità è da promuovere non solo a parole, ma nei fatti. Fatti che si concretizzano nella “politica migliore”, quella non sottomessa agli interessi della finanza, ma al servizio del bene comune, in grado di porre al centro la dignità di ogni essere umano e di assicurare il lavoro a tutti, affinché ciascuno possa sviluppare le proprie capacità. Al contempo, Papa Francesco sottolinea che un mondo più giusto si raggiunge promuovendo la pace, che non è soltanto assenza di guerra, ma una vera e propria opera “artigianale” che coinvolge tutti.

Leggi tutto...